Trentinoappartamenti

Trentinoappartamenti

BENZINA MACCHINA NON INTESTATA SCARICA

Posted on Author Taular Posted in Autisti


    libero professionista uso un auto non di proprieta' posso scaricare le spese di carburante e pedaggi autostradali?. benzina; – assicurazione; – manutenzione; – revisione. Le spese potranno .. un contratto di comodato d'uso gratuito per scaricare le spese fatto .. stavo effettuando un conto terzi in quanto la moto non era intestata a me. La macchina che utilizzo da 10 anni e continuo ad utilizzare per lavorare non è intestata a me ma solo a mio papà. Cosa comporta questa nella. Non qualsiasi contribuente può detrarre dalle tasse i costi della benzina, 1 Si può scaricare la benzina usata su un'auto altrui? La carta deve essere intestata al contribuente che intende scaricare dalle tasse la benzina.

    Nome: benzina macchina non intestata
    Formato:Fichier D’archive
    Sistemi operativi:MacOS Android. Windows XP/7/10. iOS. MacOS.
    Licenza:Solo per uso personale
    Dimensione del file: 63.59 MB

    Deducibilità nel leasing e noleggio La normativa sulla deducibilità dei costi auto La legge n. E questo ha un importante impatto sul carico fiscale delle imprese, degli esercenti arti e professioni. La normativa fiscale relativa alla deducibilità dei costi relativi ad auto aziendali o altri veicoli è contenuta negli articoli e del Testo Unico delle imposte sui redditi.

    Affrontiamo tutti gli aspetti relativi alle deducibilità dei costi dei veicoli aziendali, con particolare sguardo alla auto aziendali.

    La legge n. Si tratta dei cosiddetti fringe benefit. Quali costi auto sono deducibili Quando la normativa parla di deducibilità delle spese e degli altri componenti negativi relativi alle autovetture, agli autocaravan, ai ciclomotori ed ai motocicli, intende riferirsi a tutti quei costi relativi a quel bene, che nel caso in questione è l'auto, la moto, lo scooter, il furgone ecc.

    Partita Iva posso scaricare le spese di viaggi e trasferte? Scaricare le spese di carburante Premessa fondamentale: chi ha una partita Iva nel non pensi di scaricare la spesa di carburante della propria auto, di quella della moglie e della macchina appena comprata al figlio per i suoi 18 anni.

    Ma solo quello. Se il carburante si paga con carta di credito, carta prepagata o carta di debito non occorre fare la scheda carburante: basteranno le ricevute. Si potrà continuare a pagare in contanti, certo.

    Ma quella spesa non sarà più deducibile. I gestori dei distributori, da quella data, sono tenuti al rilascio di una fattura elettronica. Non possono essere considerate moneta elettronica le carte fedeltà tipo quella del supermercato , anche se convenzionate per il pagamento. Il costo massimo deducibile è pari a: ,99 euro per le autovetture e gli autocaravan il limite per le autovetture è elevato ad euro ,84 per gli autoveicoli utilizzati da agenti o rappresentanti di commercio ; ,66 euro per i motocicli; ,83 euro per i ciclomotori.

    Si tratta di mezzi impiegati in modo esclusivo per lo svolgimento dell'impresa, dell'arte e della professione. È tuttavia necessario dimostrare che la vettura sia impiegata in modo esclusivo ai fini dello svolgimento della professione.

    Non è quindi sempre semplice avvalersi di questa facoltà. Questi mezzi rappresentano parte integrante dell'attività propria dell'impresa, il cui utilizzo qualifica e realizza l'attività esercitata.

    Ne costituiscono un valido esempio mezzi utilizzati nelle attività di commercio, noleggio o locazione finanziaria di auto; inclusi nell'art.

    Ci sono stati dei consistenti ridimensionamenti nelle percentuali, mentre sono rimasti invariati i limiti di spesa deducibile.

    Le deducibilità in vigore fino al Si tratta delle autovetture, autocaravan, ciclomotori e motocicli che non sono utilizzati esclusivamente come beni strumentali. Tornando al discorso di prima, tutte le automobili acquistati da professionisti e titolari di partita IVA, nella stragrande maggioranza dei casi, sono da considerarsi non utilizzate esclusivamente come beni strumentali e quindi auto ad uso promiscuo.

    La stessa percentuale di deducibilità anche negli anni , , e e seguenti.

    Tale percentuale del 20 per cento è elevata all'80 per cento per i veicoli utilizzati dai soggetti esercenti attività di agenzia o di rappresentanza di commercio. Questa variazione è stata introdotta dalla riforma Fornero e non è stata modificata dalla Legge di Stabilità. Per maggiori informazioni vediamo la deducibilità in caso di uso promiscuo. Non si tiene conto della parte del costo di acquisizione che eccede:


    Ultimi articoli