Trentinoappartamenti

Trentinoappartamenti

SCARICARE CONTRIBUTI INPS COMMERCIANTI


    Dal browser internet (Exlporer, Safari, Firefox, etc etc), è necessario gitare www. Nella sezione SERVIZI ONLINE>ELENCO DI TUTTI I SERVIZI, selezionare l'opzione CASSETTO PREVIDENZIALE PER ARTIGIANI E. trentinoappartamenti.info › nuovoportaleinps. La circolare specifica, inoltre, la contribuzione dovuta sui minimali e sui massimali di reddito. I contributi devono essere versati entro le scadenze.

    Nome: contributi inps commercianti
    Formato:Fichier D’archive
    Sistemi operativi: iOS. Android. Windows XP/7/10. MacOS.
    Licenza:Solo per uso personale
    Dimensione del file: 17.28 MB

    Il pagamento deve essere effettuato utilizzando il modello di pagamento F Ogni contribuente infatti è chiamato a prelevare la comunicazione e i modelli F24 per i pagamenti dei contributi sul minimale direttamente dal proprio Cassetto previdenziale online.

    La consultazione del Cassetto previdenziale è riservata agli iscritti al versamento dei contributi INPS artigiani e commercianti e ai loro intermediari. I servizi disponibili per questa categoria di lavoratori sono: Istanza di dilazione amministrativa; Richiesta di cancellazione Gestione commercianti solo per alcune categorie affittacamere, ostetriche, ecc. Compilazione del modello F24 Per il versamento dei contributi Inps artigiani e commercianti è necessario utilizzare i modelli F24 prestampati presenti nel cassetto previdenziale del contribuente.

    I servizi disponibili per questa categoria di lavoratori sono: Istanza di dilazione amministrativa; Richiesta di cancellazione Gestione commercianti solo per alcune categorie affittacamere, ostetriche, ecc.

    Compilazione del modello F24 Per il versamento dei contributi Inps artigiani e commercianti è necessario utilizzare i modelli F24 prestampati presenti nel cassetto previdenziale del contribuente. I contributi Inps dovuti alla gestione artigiani e commercianti possono essere pagati autonomamente dal contribuente mediante modello F Modello che dovrà essere compilato seguendo le sotto indicate istruzioni, relative alla compilazione della Sezione Inps del modello di pagamento.

    I lavoratori agricoli autonomi sono tenuti al versamento della contribuzione dovuta annualmente tramite il modello F Termini di pagamento Il pagamento d. Il Portale dei Pagamenti offre ai cittadini un punto unico dove è possibile trovare i servizi abilitati al pagamento, semplificando in questo modo il rapporto con i cittadini e nello stesso tempo evitando code agli sportelli.

    Scarica il manuale. Ha disposto la sospensione dei termini relativi ai versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l'assicurazione obbligatoria dovuti dai datori di lavoro domestico in scadenza nel periodo dal febbraio al maggio Dati, ricerche e bilanci.

    Guida alla consultazione della tabella Inps. INPS mobile permette di interagire con alcuni servizi online presenti sul sito web.

    È infatti il nostro ente di previdenza a custodire il forziere in cui è nascosta tutta la nostra storia di lavoratori. Si sposta lievemente la somma dovuta dalle famiglie che hanno alle dipendente un collaboratore domestico. La circolare INPS n.

    Guarda questo:KEYLOGGER SCARICARE

    Molto semplicemente, i contributi INPS rappresentano un onere deducibile e dedotto dal reddito complessivo in un anno precedente rispetto all'anno in cui è avvenuto il rimborso; di conseguenza, i rimborsi di questi contributi INPS dovranno essere portati a tassazione nella dichiarazione dell'anno in cui il rimborso è avvenuto; il regime naturale di tassazione, in questo caso, è la tassazione separata.

    Sono necessarie alcune precisazioni: la compensazione tramite modello F24, di crediti per contributi INPS da dichiarazione, viene assimilata al rimborso, motivo per cui anche l'importo compensato è naturalmente soggetto a tassazione separata; la tassazione separata costituisce il regime naturale di tassazione dei rimborsi e delle compensazioni dei crediti per contributi INPS, ma il suo utilizzo non costituisce un obbligo: è comunque prevista la facoltà di optare per la tassazione ordinaria effettuando apposita scelta in sede di dichiarazione dei redditi è possibile basarsi su un semplice calcolo di convenienza: in caso di redditi complessivi non elevati la tassazione ordinaria potrebbe rivelarsi più conveniente di quella separata, e lo è sicuramente in caso di disponibilità di perdite pregresse disponibili per la compensazione.

    Si ricorda che questo tipo di contribuenti sono sottoposti ad una tassazione sostitutiva, quella forfetaria, dal cui reddito forfetario vengono dedotti i contributi IVS versati all'INPS.

    Le incertezze derivano dal fatto che non esiste una norma che stabilisce come trattare la tassazione dei rimborsi e delle compensazioni dei crediti per contributi INPS nel caso specifico di questi contribuenti, motivo per cui questi rimborsi e compensazioni avrebbero dovuto essere attratti alla normativa ordinaria: il che vuol dire che la tassazione poteva essere quella separata o quella ordinaria, a scelta del contribuente, ma non quella sostitutiva.


    Ultimi articoli