Trentinoappartamenti

Trentinoappartamenti

SCARICA DICHIARAZIONE PRECOMPILATA 2018

Posted on Author Zolosar Posted in Internet


    In questa area riservata, oltre alla dichiarazione precompilata potrai consultare anche le fatture elettroniche relative ai tuoi acquisti in qualità di consumatore. Di seguito le indicazioni per accedere alla dichiarazione precompilata con le proprie credenziali. Per le informazioni di dettaglio cliccare sui box. Mappa che. Accedi alla tua precompilata. Accedi con credenziali SPID. SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitale, è il sistema di accesso che consente di utilizzare, con. Per le eventuali modifiche devi utilizzare il modello Unico integrativo oppure il modello Redditi , o integrativo che l'Agenzia mette a.

    Nome: dichiarazione precompilata 2018
    Formato:Fichier D’archive
    Sistemi operativi: Android. iOS. MacOS. Windows XP/7/10.
    Licenza:Solo per uso personale
    Dimensione del file: 29.24 MB

    Normativa Provvedimento Agenzia Entrate del 7. Non si deve più scaricare un software, ma è possibile presentare direttamente la dichiarazione via Web, in quanto viene messa a disposizione una dichiarazione dei redditi senza alcun dato precompilato, ad eccezione dei dati anagrafici. Altra novità è relativa alla dichiarazione integrativa.

    Per le modifiche bisogna utilizzare il modello Unico integrativo, che l'Agenzia mette a disposizione con i dati presenti nella dichiarazione inviata. L'accesso alla dichiarazione precompilata come utente di SPID avviene dalla pagina di login dell'applicazione.

    Esempi: interessi sui BOT o sugli altri titoli del debito pubblico; Redditi soggetti a ritenuta alla fonte a titolo di imposta. Esempi: interessi sui conti correnti bancari o postali; redditi derivanti da lavori socialmente utili.

    Navigazione

    La stessa scadenza del 23 luglio riguarda anche gli intermediari, come i Commercialisti. Altro aspetto importante è che solo dalla data del 2 maggio sarà possibile per il contribuente modificare i dati relativi al modello Precompilato Se hai dubbi riguardo la scadenza del Precompilato Agenzia Entrate, contattami!

    Questi dati, infatti, sono stati preventivamente acquisiti telematicamente dagli intermediari. Tuttavia, non sempre i dati caricati nel modello precompilato sono stati inseriti in modo corretto. Oppure, spesso sono soltanto dati parziali. Dichiarazione precompilata: le scelte da fare Se sei arrivato fino a questo punto ti starai chiedendo come modificare i dati incompleti o inesatti nella tua dichiarazione. Questo fermo restando il controllo delle condizioni soggettive che danno diritto alle detrazioni, alle deduzioni, e alle agevolazioni di cui beneficerai presentando la dichiarazione.

    Modificare o integrare i dati nel Precompilato Si tratta della scelta da effettuare in quasi tutti i casi. Le situazioni in cui il modello è corretto in origine non sono molte. Magari non tutti riescono a trovare gli errori presenti, perché magari non hanno dimestichezza con la dichiarazione, ma vi assicuro che molti dati devono essere sempre modificati. Questo in quanto la dichiarazione è modificata rispetto ai dati forniti nel modello precompilato.

    In pratica, è opportuno sottolineare che è cura del contribuente verificare la bontà del contenuto reddituale della dichiarazione che intende accettare. Questo anche se il contribuente ha accettato la dichiarazione precompilata senza apportare alcuna modifica. Quando il si considera modificato?

    Dichiarazione precompilata 2017, come visionare e scaricare il modello 730

    Con la Circolare n. Non è, invece, tra le ipotesi di modifica la variazione del Comune del domicilio fiscale del contribuente. Dato che va ad incidere sul calcolo delle addizionali. Quindi, il modello precompilato si considera modificato dal contribuente quando vi sono variazioni o integrazioni dei dati indicati nella dichiarazione.

    I modelli precompilati modificati dal contribuente possono essere sottoposti a controllo preventivo. Con successivo rimborso a cura delle Entrate.

    Per questo motivo il rimborso deve essere erogato non oltre il sesto mese successivo al termine per la trasmissione del modello 22 gennaio Il controllo, quindi, non potrà essere effettuato se il credito Irpef che scaturisce dal modello precompilato è accettato senza modifiche. Classico caso è quello del credito Irpef da utilizzato in F24 per la compensazione del debito Imu o Tasi.

    In questi casi, per evitare i controlli preventivi sarà sufficiente che il credito residuo.

    In Primo Piano

    Come verificare i dati del Precompilato? La presenza, nel Precompilato di molte più informazioni rispetto a quelle presenti lo scorso anno non deve far abbassare il tuo livello di controllo.

    Infatti, la trasmissione delle informazioni e la loro corretta collocazione sono procedure complesse. I principali errori nei dati della Precompilata Aprendo il precompilato, ti trovi di fronte a dati provenienti: Dalle certificazioni uniche Cu trasmesse dai sostituti di imposta; Dalle informazioni presenti in anagrafe tributaria, quali i dati catastali, le compravendite immobiliari, i contratti di locazione registrati, i versamenti effettuati con modello F24; Dagli invii massivi effettuati da soggetti terzi prime fra tutte le banche ; dalle informazioni che possono essere ricavate dalla dichiarazione precedente.

    Ad esempio: crediti portati a nuovo, detrazioni ripetute per quote annue. Negli scorsi anni, le maggiori segnalazioni di errori sulle precompilate sono arrivate con riferimento ai: Dati catastali; Ai giorni di durata del rapporto di lavoro o di pensione soprattutto in presenza di più rapporti ; Ai contributi previdenziali delle colf, alle indennità di mobilità, cassa integrazione e simili.

    Questo come detto, in quanto, i sostituti di imposta sono stati chiamati a un maggior lavoro, con una più ampia possibilità di errore. Per le spese intestate ai figli, il sistema le ha acquisite collegandole al codice fiscale del minore e verranno attribuite nelle precompilate sulla base delle percentuali emergenti dalle certificazioni uniche riguardanti i familiari a carico.

    Le spese per i figli possono, infatti, essere ripartite dal coniuge che ha sostenuto effettivamente la spesa e lo annota sul documento, Cosa, questa che inevitabilmente comporta una modifica ai dati presenti nel modello precompilato per essere attuata. In questo casi sei chiamato ad integrare il dato mancante, pena la perdita della detrazione fiscale.

    Anche questi dati sono inseriti nel precompilato poi ricevuto dal contribuente o per meglio dire, scaricabile dal contribuente. In questo caso i coniugi possono presentare il modello in forma congiunta. Non è possibile utilizzare la forma congiunta se si presenta la dichiarazione per conto di persone incapaci, compresi i minori e nel caso di decesso di uno dei coniugi avvenuto prima della presentazione della dichiarazione dei redditi.

    Quindi dal 15 aprile è disponibile, nell'apposita sezione del sito dell'Agenzia delle Entrate, il modello precompilato. Dal 2 maggio è possibile: accettare, modificare e inviare la dichiarazione precompilata all'Agenzia delle Entrate direttamente tramite l'applicazione web.

    I termini che scadono di sabato o in un giorno festivo sono prorogati al primo giorno feriale successivo.

    Ma entro quando andranno versate le imposte? Vediamo qui di seguito principali scadenze del precompilato Sempre entro tale data il contribuente dovrà comunicare al sostituto d'imposta di non voler effettuare il secondo o unico acconto dell'Irpef o di volerlo effettuare in misura inferiore.

    Per il precompilato, le modalità di rimborso o trattenuta avvengono con le stesse modalità del ordinario.

    Il datore di lavoro o l'ente pensionistico effettua i rimborsi Irpef o effettua le trattenute, a partire dalla retribuzione di competenza del mese di luglio. Per i pensionati queste operazioni sono effettuate a partire dal mese di agosto o di settembre anche se è stata richiesta la rateizzazione.

    La seconda o unica rata di acconto Irpef e cedolare secca viene trattenuta nel mese di novembre. Contribuente precompilato senza sostituto d'imposta. Se il contribuente ha fornito all'Agenzia le coordinate del suo conto corrente bancario o postale codice Iban , il rimborso viene accreditato su quel conto.

    Il meccanismo è più semplice di quanto si possa pensare.

    Quindi è bene sapere che per accedere al precompilato con il Pin Inps è necessario possedere il codice PIN Inps di tipo dispositivo. Tra i servizi disponibili sicuramente la possibilità di compilare autonomamente la propria dichiarazione dei redditi o anche è di fondamentale importanza.

    Come si richiede il codice PIN?

    La password iniziale e la seconda parte del codice Pin saranno inviate per posta al tuo domicilio. La seconda parte, insieme alla password iniziale, sarà poi inviata per posta domicilio del contribuente.

    A questo punto si possono verificare due casi: il dovrà essere integrato o corretto, il precompilato non presenta errori o dati incompleti. Se, invece, alcuni dati del precompilato risultano non corretti o incompleti, il contribuente è tenuto a modificare o integrare il modello , ad esempio per aggiungere un reddito non presente.

    Una volta corretto il , qualora sia necessario, verrà messo a disposizione del contribuente un nuovo modello e un nuovo modello con i risultati della liquidazione effettuata in seguito alle modifiche apportate dal contribuente. Una volta trasmesso, nella stessa sezione del sito internet viene messa a disposizione del contribuente la ricevuta di avvenuta presentazione.

    Su ciascuna busta vanno riportati i dati del coniuge che esprime la scelta. Il contribuente dovrà conservare tale documentazione per far fronte ad eventuali errori.


    Ultimi articoli