Trentinoappartamenti

Trentinoappartamenti

MENCODER SCARICA

Posted on Author Grolrajas Posted in Libri


    Scarica l'ultima versione di MPlayer: Un completo lettore multimediale che non necessita di co Scarica MPlayer for Windows per Windows. Scarica in modo facile e veloce i migliori software gratuiti. Clicca qui. MPlayer, download gratis. MPlayer Il lettore che ti libera dall' incertezza. SUPER Download - convertitore file audio e video SUPER è un grafica per tool quali FFmpeg, MEncoder, MPlayer, x, MusePack.

    Nome: mencoder
    Formato:Fichier D’archive
    Sistemi operativi: MacOS. iOS. Windows XP/7/10. Android.
    Licenza:Solo per uso personale
    Dimensione del file: 32.74 MB

    Se installi per la prima volta: assicurati di leggere tutto da qui fino alla fine della sezione sull'installazione e segui i collegamenti che troverai. Se hai altre domande, ritorna alla Tabella dei Contenuti e cerca l'argomento, leggi le FAQ , o prova a ricercare nei file con grep, per esempio. Molte domande possono avere una risposta qui da qualche parte e le restanti probabilmente sono già state poste nelle nostre mailing list.

    Controlla gli archivi , ci sono un sacco di valide informazioni da trovare. Un'altra importante caratteristica di MPlayer è il supporto per un'ampia gamma di driver di uscita. Come puoi vedere, la stabilità e la qualità sono lo cose più importanti, ma anche la velocità è impressionante.

    Inviate i vostri consigli e commenti a major. Per assistenza, consultate le FAQ ed il forum di ffmpegX. You may also like to sign up to the mailing list.

    Download: Scarica ffmpegX 0. Per installare ffmpegX 0. Come installare: 1 Mettete nel cestino la vecchia versione di ffmpegX. Se installate ffmpegX per la prima volta, alcuni componenti Unix dovranno essere installati. In tal caso, la finestra di auto-installazione apparirà precisando in rosso quali componenti saranno installati.

    Altrimenti, in caso di aggiornamenti importanti dei componenti, potete chiamare la finestra d'installazione in ogni momento selezionando "Install binaries" dal menu ffmpegX barra mela.

    Conversione veloce ed intuitiva per video, audio e immagini...

    Se volete utilizzare la funzione di metainformazioni sulla codifica FLV per ottenere la barra di progressione nelle video Flash dovete installare FLVTooL2 seguendo queste informazioni. Utilizzate solo le versioni indicate.

    Il file mpeg2enc per ffmpegX 0. I files mplayer e mencoder per ffmpegX 0. Cliccate due volte l'icona del file zip che avete scaricato per decomprimerlo. Ora tornate alla finestra di installazione di ffmpegX e cliccate i tre pulsanti "Cerca.. Per finire, inserite la vostra password di avviamento Mac OSX e cliccate "Install" per lanciare l'installazione. Siete pronti! Adesso se siete soddisfatti di ffmpegX e lo trovate utile, per favore registratevi.

    Alla fine otterrete l'accesso al link di scaricamento: Se non trovate alcuna versione disponibile per OS X, allora scaricate al posto di quella, una versione stabile di reallib da questo link. Requisiti richiesti: Mac OS X Imposta il colore del bordo outline per i sottotitoli testuali. Aggiunge un bordo nero nella parte bassa del fotogramma. Imposta il colore per i sottotitoli testuali. Aggiunge un bordo nero nella parte alta del fotogramma. Abilita il posizionamento dei sottotitoli nei bordi neri, quando questi sono disponibili.

    Crea un file dumpsub. Crea un file dump. NOTA: Alcuni lettori da tavolo hanno seri problemi con file di sottotitoli con terminatori di linea Unix. Estrae il flusso dei sottotitoli dai file VOB. Cambia le assunzioni di FriBiDi sul posizionamento delle virgole nei sottotitoli. Con Fontconfig, questa opzione determina la definizione del font Fontconfig. Usando -fontconfig viene utilizzato sia per libass che per OSD, usando -nofontconfig non viene proprio usato. Visualizza solo i sottotitoli forzati forced subtitles per il flusso dei sottotitoli del DVD specificato ad esempio con -slang.

    Indica il file che verrà usato per caricare la palette e la dimensione del fotogramma per i sottotitoli VOBsub. Per fps fotogrammi al secondo variabili, questa approssimazione è nota per essere ben distante da un corretto conteggio dei frame. Permette al sottotitolo successivo di essere visualizzato mentre quello corrente è ancora visibile il default è abilitarne il supporto solo per formati specifici.

    Visualizza il flusso dei sottotitoli nel linguaggio specificato da MPlayer stampa gli ID disponibili se eseguito in modalità verbosa -v. Se non riesci a selezionare un sottotitolo di un DVD, prova anche -vobsubid.

    Disabilita qualsiasi sottotitolo interno selezionato automaticamente cosa che per es. Usa -noautosub per disabilitare il caricamento di file di sottotitoli esterni.

    Specifica una lista di priorità dei linguaggi dei sottotitoli da usare. Formati contenitore diversi avi, mov, MPlayer stampa i linguaggi disponibili se eseguito in modalità verbosa -v.

    Le modalità disponibili sono:. Parametro di varianza della sfocatura gaussiana usata da -spuaa 4. Un valore più alto significa maggior sfocatura default: 1. Valori più grandi indicano maggior trasparenza. Forza il tipo di demuxer dei sottotitoli per -subfile. Fornisci il nome del demuxer come indicato da -sub-demuxer help.

    Disabilita ogni tipo di post elaborazione sui testi fatto dopo il caricamento dei sottotitoli. Usato a scopo di debug. Se il tuo sistema supporta iconv 3 puoi usare questa opzione per specificare la pagina codici codepage dei sottotitoli. Puoi specificare il tuo linguaggio utilizzando il codice a due lettere per fare in modo che ENCA trovi automaticamente la pagina codici.

    La pagina codici di riserva specifica quale deve usare quando il riconoscimento automatico non funziona. Trova la codifica, supponendo che i sottotitoli siano cecoslovacchi, passa automaticamente alla modalità latin 2 se non riesce a trovare i valori corretti.

    Specifica i percorsi extra per i sottotitoli da cercare nella directory del filmato. Attualmente inutile. È lo stesso che -audiofile, ma per il flusso dei sottotitoli OggDS? Seleziona il font per i sottotitoli vedi -font. Se -subfont non è specificato, viene usato -font. Attiva la modalità di auto scalatura.

    Attiva la codifica del font. Seleziona il coefficiente di auto scalatura del testo dei sottotitoli come percentuale della dimensione dello schermo default: 5. Specifica la posizione dei sottotitoli sullo schermo. Specifica la larghezza massima dei sottotitoli sullo schermo.

    Specifica la sequenza di escape da usare prima di scrivere un messaggio OSD sulla console. Specifica il file VOBsub da usare per i sottotitoli. Deve essere il percorso completo senza estensione, p. I valori che si possono assegnare a sono indicati sotto nella descrizione del filtro audio format.

    Per ALSA questo è il nome del mixer. Questa opzione indica a MPlayer di usare un canale differente dal default PCM per controllare il volume. Per OSS le opzioni includono vol, pcm, line.

    Regola il valore massimo del livello di amplificazione in percentuale default: Un valore di ti permette di regolare il volume fino ad un massimo di due volte il valore corrente. Imposta sul mixer il volume in apertura, sia hardware o software se usato con -softvol. Un valore di -1 default non modifica il volume.

    I driver di uscita audio sono interfacce verso le varie possibilità di uscita audio. La sintassi è: -ao. Le sotto opzioni sono facoltative e possono generalmente essere omesse. NOTA: Vedi -ao help per una lista dei driver di uscita audio compilati internamente.

    Attiva la modalità non bloccante e il nome del dispositivo come prima scheda, quarto dispositivo. I driver di uscita audio disponibili sono: alsa.

    Seleziona il nome del dispositivo. Utile se vuoi che certe connessioni vengano stabilite automaticamente. Stima il ritardo audio, dovrebbe rendere la riproduzione video più dolce ed uniforme default: abilitato.

    Avvia automaticamente jackd se necessario default: disabilitato. Una stringa vuota usa una connessione locale, "localhost" usa un trasferimento via rete molto probabilmente non è quello che vuoi. Seleziona il numero di dispositivo da utilizzare. Imposta la dimensione del buffer a in campioni default: Funziona solo con -ac hwmpa. Se non specificata MPlayer cercherà la prima scheda utilizzabile. Non produce uscita audio ma mantiene la velocità di riproduzione video. Utilizza -noosund per i test di velocità benchmarking.

    Se non inclusa verrà generato un file grezzo PCM. Scrive il suono su invece che sul default audiodump. Se viene specificato nowaveheader il default è invece audiodump. Prova a scrivere il file più velocemente che in tempo reale realtime. Puoi avere una lista delle schede disponibili se utilizzi questa opzione insieme con -v. Attualmente funziona solo con il driver di uscita video directx. Sovrascrive la selezione automatica della profondità colore. Supportato solo dai driver di uscita video fbdev, dga, svga e vesa.

    Riproduce il filmato in una finestra con bordi e decorazioni. Dato che questo è il default, usa -noborder per disabilitare le decorazioni standard della finestra. Seleziona la luminosità del segnale video default: 0. Non è supportato da tutti i driver video di uscita. Seleziona il contrasto del segnale video default: 0.

    Specifica il nome hostname ed il numero del display del server X dove vuoi visualizzare il filmato. Seleziona il valore di guadagno del color-key del r osso , g reen, verde e b lu. Riproduzione a schermo intero centra il filmato e mette delle barre nere attorno ad esso. Non è supportato da tutti i driver di uscita video. Prova questa opzione se hai ancora problemi con i filmati a schermo intero.

    Specifica una lista di priorità delle modalità di attivazione a schermo intero da usare. Se hai problemi, ad esempio se la finestra a schermo intero viene coperta da altre finestre, puoi provare ad usare un ordine diverso. NOTA: Vedi -fstype help per una lista completa delle modalità disponibili. Pulisce la lista delle modalità; ne puoi aggiungere per abilitarle dopo. Ordine di default, verrà usato come modalità di sicurezza se vengono specificate delle modalità non supportate o scorrette.

    Regola la gamma del segnale video default: 0. Le coordinate sono relative allo schermo indicato con -xineramascreen per i driver di uscita video che gestiscono completamente -xineramascreen direct3d, gl, gl2, vdpau, x11, xv, xvmc, corevideo. NOTA: Questa opzione è supportata dai driver di uscita video x11, xmga, xv, xvmc, xvidix, gl, gl2, directx, fbdev, tdfxfb e corevideo. Questo indica alla GUI di usare anche una finestra X11 e di collegarsi alla parte inferiore del video, che è utile per inserire una mini-GUI in un browser ad esempio con il plugin MPlayer.

    Regola la tonalità del segnale video default: 0. Puoi ottenere dei negativi colorati delle immagini con questa opzione. Non è supportata da tutti i driver di uscita video. Seleziona il rapporto di aspetto aspect ratio del tuo monitor o dello schermo TV. Un valore 1 significa pixel quadrati valore corretto per quasi? Disabilita il doppio buffering, fondamentalmente usato a scopi di debug. Non acquisire il puntatore del mouse dopo un cambio di modo video -vm , utile nel caso di configurazioni con più monitor.

    Non mantenere il rapporto di aspetto quando si ridimensionano le finestre. Funziona solo con i driver di uscita video x11, xv, xmga, xvidix e directx. Questa opzione funziona solo con i driver di uscita video xv, xmga, mga, gl, gl2, quartz, corevideo e xvidix. NOTA: Sono permessi anche valori compresi tra -1 e 0, ma sono altamente sperimentali e possono portare a crash o peggio. Usali a tuo rischio!

    Cambia la gamma della funzionalità pan-and-scan default: 1. Valori positivi indicano multipli della gamma di default. Questa funzionalità è sperimentale. Non riportare errori a meno che tu non stia usando -vo gl. Attiva la frequenza di aggiornamento del monitor in Hz. Visualizza il filmato nella finestra root lo sfondo del desktop.

    Funziona solo con i driver di uscita video x11, xv, xmga, xvidix, quartz, corevideo e directx. Regola la saturazione del segnale default: 0.

    Non supportato da tutti i driver di uscita video. Specifica la larghezza dello schermo per quei driver di uscita video che non conoscono la risoluzione dello schermo come fbdev, x11 e TV-out. Imposta il titolo della finestra. Gestito dai driver di uscita video basati su X Imposta il titolo della finestra usando il nome del file multimediale, se non è stato impostato con -title. Cerca di cambiare in un modalità video differente. Supportato dai driver di uscita video dga, x11, xv, sdl e directx.

    Se è usato con il driver di uscita video directx allora si possono usare le opzioni -screenw, -screenh, -bpp e -refreshrate per selezionare le caratteristiche della nuova modalità.

    Dice ad MPlayer di collegarsi ad una finestra già esistente. In configurazioni con Xinerama p. Funzionerà solitamente solo con "-fstype -fullscreen" o "-fstype none". Supportata almeno dai driver di uscita video direct3d, gl, gl2, x11, xv e corevideo. Visualizza in bianco e nero. Le opzioni che appaiono dono la n-esima -zrcrop si riferiscono alla n-esima scheda MJPEG, ogni scheda deve avere almeno un -zrdev oltre a -zrcrop. Specifica il file speciale del dispositivo che appartiene alla tua scheda MJPEG, per default il driver di uscita video zr prende il primo dispositivo v4l che riesce a trovare.

    Forza la decimazione. Usa questa opzione per forzare la decimazione. Un numero da 1 migliore a 20 peggiore che rappresenta la qualità della codifica JPEG. Decimazione verticale. I driver di uscita video sono interfacce alle differenti possibilità di uscita video. La sintassi è: -vo. NOTA: Vedi -vo help per una lista dei driver di uscita video compilati internamente. I driver di uscita video disponibili sono: xv solo X Driver di uscita video con memoria condivisa senza accelerazione hardware che funziona ovunque sia presente X Disabilita la visualizzazione delle immagini.

    Necessario per effettuare dei test corretti con quei driver che cambiano i buffer delle immagini solo sul ritracciamento verticale del monitor nVidia. Deinterlacciatore molto semplice. Utilizza la funzione sleep mentre aspetta che finisca la visualizzazione non consigliato in Linux default: nosleep. Gestisce anche la visualizzazione di video decodificato via software. Per valori positivi applica un algoritmo di messa a fuoco, per valori negativi un algoritmo di sfocatura default: 0.

    Applica al video un algoritmo di riduzione del disturbo default: 0, nessuna riduzione. Sceglie il deinterlacciatore default: 0. Deinterlacciamento temporale adattivo al movimento. È il default se si usa "D" per deinterlacciare. Deinterlacciamento temporale adattivo al movimento, con interpolazione spaziale legata ai bordi. Richiede harware video veloce. Usa nochroma-deint per usare solo la luminanza ed accellerare il deinterlacciamento avanzato.

    Utile con memoria video lenta. Cerca di evitare il deinterlacciamento per i fotogrammi progressivi, utile per guardare contenuto in telecine, ha bisogno di hardware video veloce per alte risoluzioni. Funziona solo con un deinterlacciamento temporale adattivo al movimento. In linea di massima si dovrebbero usare BT.

    Prova ad indovinare lo spazio colore in base alla risoluzione video. Usa noforce-mixer per permettere la visualizzazione dello spazio colore BGRA. Seleziona un adattatore XVideo specifico controlla i risultati di xvinfo. Necessario per effettuare dei test corretti su driver che cambiano buffer delle immagini solo sul retrace del monitor nVidia.

    Il default è di non disabilitare la visualizzazione delle immagini nobenchmark. Un deinterlacciatore molto semplice. Utilizza la funzione sleep mentre aspetta che finisca la renderizzazione non raccomandato con Linux default: nosleep.

    Considerato obsoleto. Visto che la libreria SDL utilizza la propria gestione di X11 le opzioni relative ad X11 di MPlayer non avranno effetto se si utilizza questo driver di uscita video.

    Utilizza XVideo attraverso il driver di uscita video sdl default: forcexv. Driver di uscita video molto veloce su schede che lo supportano. Prova questa opzione se hai problemi di visualizzazione. Abilita o disabilita i workaround per il laptop T23 default: disabilita.

    Seleziona il dispositivo di visualizzazione da usare a schermo intero o impostalo a -1 per usare sempre lo stesso schermo su cui sta la finestra del video default: -1 - automatico.

    Seleziona esplicitamente il nome del dispositivo fbdev da usare p. Specifica la modalità video da usare. Utilizza solo funzioni di disegno native. Forza il cambio di fotogramma sul ritracciamento verticale. Utilizzabile solo con -double.

    Driver di uscita video OpenGL. La dimensione del video deve essere minore della dimensione massima delle texture della vostra implementazione OpenGL.

    Utilizza glxinfo oppure uno strumento simile per visualizzare le estensioni supportate dalla vostra implementazione OpenGL. Se abilitato si comporta di più come gli altri driver di uscita video, il che è meglio per font di dimensione fissa. Se disabilitato appare molto meglio con i font FreeType ed utilizza i bordi nella modalità a schermo intero.

    Non funziona correttamente con sottotitoli ass vedi -ass , puoi tuttavia renderizzarli senza il supporto OpenGL attraverso -vf ass. In alcuni casi è supportato solo via software, quindi molto lento. Intervallo minimo, in fotogrammi visualizzati, tra due scambi di buffer default: 1. Valori minori di 0 saranno ignorati e verrà usato il default del sistema.

    Nella maggior parte dei casi è probabilmente più lento di una conversione software verso RGB. Il default è una selezione automatica tra i valori 0 e 2. Compatibile con tutte le versioni di OpenGL. Fornisce controllo di luminosità, contrasto e saturazione. Servono almeno tre unità di texture.

    Fornisce controllo di saturazione e tonalità. Questo metodo è veloce ma impreciso. Fornisce controllo di luminosità, contrasto, saturazione e tonalità. Fornisce controllo di luminosità, contrasto, saturazione, tonalità e gamma. Il metodo 4 è solitamente più veloce. Estremamente lento emulazione software su alcune tutte? Seleziona la funzione di ridimensionamento da usare per il ridimensionamento della luminanza. Valida solo per modalità yuv 2, 3, 4 e 6. Usa un filtraggio bicubico B-spline migliore qualità.

    Schede video vecchie non saranno in grado di gestire questo per la crominanza, perlomeno in modalità a schermo intero. Usa un filtraggio cubico in direzione orizzontale, un filtraggio lineare su quella verticale. Funziona su meno schede che il metodo 1. Usa una maschera sperimentale di eliminazione particolari unsharp con dimensione 3x3 e valore 0.

    Usa una maschera sperimentale di eliminazione particolari unsharp con dimensione 5x5 e valore 0. Seleziona la funzione di ridimensionamento da usare per il ridimensionamento della crominanza.

    Per i dettagli vedi lscale. Imposta la quantità di rumore da aggiungere. Seleziona un metodo per la visione stereo. Potrebbe essere necessario usare -aspect per aggiustare il valore delle proporzioni. Sperimentale, non aspettarti troppo.

    Supportato solo da pochissime schede OpenGL.

    Le opzioni seguenti sono utili solo se scrivete un vostro programma di frammentazione. Carica un programma personalizzato di frammentazione da. Carica una texture "gamma ramp" personalizzata da.

    Disabilitata di default. Se abilitata, vengono generate automaticamente delle mipmap per il video. Invoca glFinish prima di invertire i buffer.

    Numero di linee copiate sulla texture in un blocco unico default: 0. Se il decodificatore usa lo "slice rendering" vedi -noslices , questa impostazione non ha effetto, e viene usata la dimensione slice fornita dal decodificatore. Se il decodificatore non usa "slice rendering", il default è Driver alternativo di uscita video OpenGL. Supporta video più grandi della dimensione massima della texture, ma manca di molte funzionalità avanzate e ottimizzazioni rispetto al driver gl e difficilmente verrà sviluppato ulteriormente.

    Renderizzatore basato su OpenGL che crea un effetto di testo stile Matrix. Numero delle colonne di testo da mostrare. Valori molto bassi Numero delle righe di testo da mostrare.

    Valori molto bassi Non produce nessuna uscita video. Utile per benchmarking prove di velocità. NOTA: Il driver non gestisce correttamente -aspect. Riproduzione video utilizzando il protocollo UDP Blinkenlights. Questo driver è altamente specifico per hardware. Seleziona esplicitamente il driver del dispositivo Blinkenlights da usare. Devi specificare un sottodispositivo. Seleziona esplicitamente il driver GGI da usare.

    Il doppio ed il triplo buffering danno i migliori risultati se vuoi evitare problemi di tearing. Il triplo buffering è più efficiente del doppio buffering perché non blocca MPlayer mentre aspetta il tracciamento verticale. La bufferizzazione singola dovrebbe essere evitata default: single. Valori validi sono top prima il campo superiore e bottom prima il campo inferiore. Questa opzione non ha alcun effetto su materiale progressivo, generalmente la maggior parte dei film MPEG.

    Devi abilitare questa opzione se hai effetti di tearing oppure movimenti non uniformi guardando materiale interlacciato.

    Abilita CRTC2 la seconda uscita, head , visualizzando il video in modo indipendente dalla prima uscita. Driver di uscita video specifico Matrox che utilizza il back end scaler hardware delle schede Gxxx attraverso un modulo del kernel.

    Driver di uscita video specifico per S3 Virge. Questo driver supporta la conversione e la scalatura YUV della scheda, il doppio buffering e il direct rendering. Sono supportati solo 16 bpp. Questo driver utilizza il driver del framebuffer tdfx per riprodurre filmati con accelerazione YUV su schede 3dfx. Vedi anche il filtro video lavc. Driver di uscita video per un certo numero di schede di cattura e riproduzione MJPEG, seconda generazione.

    Calcola la sommatoria MD5 di ogni fotogramma e la scrive su un file. Utile per il debug. Trasforma il flusso video in una sequenza di immagini non compresse in formato YUV e le memorizza in un file default:. Supporta il formato YV Scrive il file di uscita con fotogrammi interlacciati, prima i top field.

    Scrive il file di uscita con fotogrammi interlacciati, prima i bottom field. NOTA: Se non specifichi nessuna opzione il file di uscita è progressivo cioè non interlacciato. Scrive ogni fotogramma in un singolo file GIF animato nella directory corrente.

    Valore decimale che specifica la velocità del filmato default: 5. NOTA: Devi specificare la velocità prima del nome del file oppure farà parte del nome del file.

    Scrive ogni fotogramma in un file JPEG nella directory corrente. Il nome del file viene creato dal numero del fotogramma riempito con zeri iniziali. Crea sottodirectory numerate con il prefisso specificato in cui salvare i file invece che nella directory corrente. Numero massimo di file da scrivere in ogni sottodirectory. Deve essere uguale o maggiore di 1 default: Scrive ogni fotogramma in un file PNM nella directory corrente.

    Vedi anche pnm 5 , ppm 5 e pgm 5. Scrive ogni fotogramma in un file PNG nella directory corrente. Specifica il livello di compressione. Specifica il prefisso da usare per i nomi dei file PNG default: nessun prefisso. Crea file PNG con un canale alpha. Scrive ogni fotogramma in un file Targa TGA nella directory corrente.

    Lo scopo di questo driver di uscita video è avere un semplice formato di immagini senza perdita di qualità da usare senza librerie esterne. Supporta i formati colori BGR[A], con 15, 24 e 32 bpp. Puoi forzare un formato particolare con il filtro video format. Specifica una lista di priorità dei codec audio da usare, in accordo con il loro nome in codecs.

    NOTA: Vedi -ac help per una lista completa dei codec disponibili. Attenzione: È possibile inchiodare MPlayer utilizzando questo valore. Specifica una lista di priorità delle famiglie di codec audio da usare, in accordo col loro nome in codecs. Passa ai codec di default se nessuna delle famiglie specificate funziona. NOTA: Guarda -afm help per una lista completa delle famiglie disponibili. Sovrascrive il valore del rapporto di aspetto del filmato, utilizzabile nel caso in cui questa informazione sia mancante oppure errata nel file che si sta visualizzando.

    Disabilita la compensazione automatica del rapporto di aspetto del film. Imposta il primo campo per contenuti interlacciati. Specifica i parametri di decodifica di libavcodec. Opzioni multiple vanno separate con i due punti. Usa solo algoritmi bit-exact esatti al bit in tutti i passaggi di decodifica per provare i codec.

    Per la miglior qualità di decodifica utilizza lo stesso algoritmo di IDCT sia per la decodifica che per la codifica. Decodifica a risoluzioni più basse. La decodifica a basse risoluzioni non è supportata da tutti i codec e spesso genererà degli sgradevoli artefatti. Questo non è un bug ma un effetto collaterale del fatto di non decodificare a risoluzione completa.

    Se viene specificato la decodifica a bassa risoluzione verrà usata solo se la larghezza del video è maggiore od uguale a. Nota che alcune opzioni possono andare in conflitto con quelle di MEncoder. Salta il filtro loop anche detto deblocking durante la decodifica H. Dato che il fotogramma filtrato si suppone venga usato come riferimento per la decodifica dei fotogrammi dipendenti, questo ha un effetto peggiore sulla qualità che non applicare il deblocking per es.

    Salta il passaggio IDCT. Salta completamente la decodifica dei fotogrammi. Ha effetto solo con i codec libmpeg2 e libavcodec. Utile per le prove di velocità benchmark.

    Im molti casi questo non funziona, usa -vc null -vo null al suo posto. Regola il livello di post elaborazione della DLL. Questa opzione non è più utilizzabile con -vf pp.

    Visualizza un sommario sui filtri di post elaborazione disponibili ed il loro utilizzo. NOTA: Alcune modalità di -sws sono configurabili. La descrizione del filtro video scale ha ulteriori informazioni.

    Specifica una lista di priorità dei codec video da usare, in accordo con il loro nome in codecs. NOTA: Vedi -vc help per una lista completa dei codec disponibili. Specifica una lista di priorità delle famiglie di codec video da usare, in accordo col loro nome in codecs. NOTA: Vedi -vfm help per una lista completa delle famiglie disponibili. Prova i codec di libavcodec, poi DirectShow, poi VfW e poi passa agli altri se ancora nessuno funziona.

    Specifica dei parametri addizionali quando si decodifica con Xvid. NOTE: Visto che libavcodec è più veloce di Xvid potresti volerne usare il filtro di post elaborazione -vf pp ed il decoder -vfm ffmpeg al suo posto. Aggiunge una grana artificiale al video. Permette la scalatura via software quando disponibile. Questo permette la scalatura con quei driver di uscita video come x11, fbdev che non supportano la scalatura hardware dove MPlayer disabilita per default la scalatura per motivi di prestazioni.

    I filtri audio ti permettono di modificare il flusso audio e le sue proprietà. La sintassi è: -af. NOTA: Per avere una lista completa dei filtri audio disponibili vedi -af help. I filtri audio sono gestiti in liste. Ci sono alcuni comandi per gestire la lista dei filtri. Aggiunge i filtri passati come argomenti alla fine della lista dei filtri. Cambia la frequenza di campionamento del flusso audio.

    Questo filtro viene abilitato automaticamente se necessario. Supporta solo interi a bit e valori decimali in formato native-endian little- o big-, dipende dal processore come ingresso. Frequenza di uscita in Hz. I valori validi per questo parametro sono da a Se le frequenze di campionamento di ingresso ed uscita sono uguali oppure se questo parametro è omesso il filtro viene scaricato automaticamente.

    Una frequenza di campionamento alta normalmente migliora la qualità audio, specialmente se usata in combinazione con altri filtri. Permette 1 o non permette 0 alla frequenza di uscita di essere leggermente diversa da quella passata con default: 1.

    Cambia la frequenza di campionamento del flusso audio al valore intero in Hz. Supporta solo il formato a bit native-endian. La frequenza di campionamento di uscita di questo filtro dipende da quella in ingresso.

    Se la frequenza in ingresso è 48kHz, In caso contrario viene inserito automaticamente un filtro resample prima di questo, per fare in modo che ingresso e uscita siano a 48kHz. La frequenza in cui codificare il flusso AC Impostala a o per ottenere kbit. Valori ammessi: 32, 40, 48, 56, 64, 80, 96, , , , , , , , , , , , La frequenza di default si basa sul numero di canali di ingresso: 1can: 96, 2can: , 3can: , 4can: , 5can: , 6can: Se il numero di canali di ingresso è inferiore a , il filtro si disattiverà da solo default: 5.

    Delta della funzione sinusoidale, utilizza valori molto bassi per sentire lo sweep. Rimuove un seno alla frequenza indicata. Probabilmente funziona solo su un segnale mono. Valori ragionevoli sono intorno a 0. Trasformazione di Bauer da stereofonica a binaurale usando libbs2b. Se le opzioni fcut o feed vengono specificate insieme con un profilo, queste verranno applicate sul profilo selezionato. Flag Significato m decodifica a matrice del canale posteriore s decodifica a matrice con 2 canali 0 nessuna decodifica a matrice default.

    Equalizzatore grafico a 10 ottave, implementato utilizzando 10 filtri a passaggio di banda IIR. Questo significa che funziona, qualunque sia il tipo di audio che si sta riproducendo.

    Le frequenze centrali delle 10 bande sono: Nr. Se la frequenza di campionamento del suono che si sta riproducendo é inferiore della frequenza centrale di una banda allora quella banda viene disabilitata. Un problema noto con questo filtro è che le caratteristiche per la bande più alte non sono completamente simmetriche se la frequenza di campionamento è vicina alla frequenza centrale di quella banda. Se il numero di canali di uscita è minore del numero di canali di ingresso i canali in eccesso sono troncati.

    Coppie di numeri tra 0 e 7 che definiscono dove reindirizzare ogni canale. Nota che se viene riprodotto un media che contiene solo due canali, i canali 2 e 3 conterranno solo silenzio ma lo 0 e 1 verrano scambiati. Cambierà il numero di canali a 5 e attiverà 4 indirizzamenti che copieranno il canale 0 sui canali da 0 a 3. I canali 4 e 5 conterranno silenzio. Converte tra diversi formati di campionamento. Viene abilitato automaticamente quando serve dalla scheda audio o da un altro filtro.

    Attiva il formato desiderato. Esistono anche altri formati validi che sono una eccezione a questa regola: u8, s8, floatle, floatbe, floatne, mulaw, alaw, mpeg2, ac3 e imaadpcm. In molti casi la cosa migliore da fare è porre il livello del suono PCM al massimo livello, non inserire questo filtro, e controllare il livello di uscita dei tuoi altoparlanti con il controllo di volume principale del mixer.

    Questo filtro ha una seconda caratteristica: misura il valore massimo complessivo del livello del suono e lo stampa quando MPlayer termina. Attiva 1 o meno 0 il soft clipping. Abilita questa opzione se la gamma dinamica degli altoparlanti è molto bassa. Amplificherà il suono di Miscela i canali arbitrariamente. Il numero di opzioni per questo filtro dipende dal numero di canali di uscita. Un esempio per come sotto miscelare un file a sei canali su due canali con questo filtro si trova nella sezione degli esempi verso la fine.

    Quanta parte del canale di ingresso i è miscelata nel canale di uscita j Se non è specificato alcun numero per alcuni canali di ingresso, viene usato 0. Otterrà 3 canali in uscita lasciando i canali 0 ed 1 intatti, e miscelerà i canali 0 ed 1 nel canale di uscita 2 che potrebbe essere mandato ad esempio ad un subwoofer. Aggiunge un canale subwoofer al flusso audio. I dati audio usati per creare il canale del subwoofer sono la media del suono dei canali 0 ed 1.

    Il suono risultante è poi filtrato con un filtro passa-basso di Butterworth di quarto ordine con una frequenza di taglio di default di 60Hz ed aggiunto ad un canale separato del flusso audio.

    Determina il numero di canale in cui inserire il sotto-canale audio.

    Traduzione di "per favore, leggi il" in inglese

    Nota che il numero di canali verrà automaticamente incrementato a se necessario. Aggiungerà un canale sub-woofer con una frequenza di taglio di Hz al canale di uscita 4.

    Crea un canale centrale dai canali frontali. Determina il numero del canale su cui inserire il canale centrale. Decodificatore per il suono surround codificato a matrice matrix encoded surround sound , come ad esempio il Dolby Surround. Molti file con due canali audio attualmente contengono souni surround a matrice. Richiede una scheda audio che supporta almeno 4 canali.

    Aggiungerà la decodifica del suono surround con un ritardo di 15ms per il suono degli altoparlanti posteriori. Ritarda il suono dei vari altoparlanti in modo che il suono dai diversi canali arrivi alla posizione di ascolto contemporaneamente.

    È utile solo se hai più di 2 altoparlanti. Il ritardo in ms che deve essere imposto ad ogni canale numero a virgola mobile tra 0 e Per calcolare il ritardo richiesto ai vari canali comportati come segue:.

    Misura la distanza degli altoparlanti in metri in relazione alla tua posizione di ascolto, in modo da ottenere le cinque distanze da s1 a s5 per un sistema 5. Ritarderà i canali frontali destro e sinistro di Esporta il segnale in arrivo ad un altro processo usando la mappatura della memoria mmap.

    Le aree mappate contengono una intestazione:. Incrementa linearmente la differenza tra i canali sinistro e destro che aggiunge una specie di effetto "live" alla riproduzione. Imposta il coefficiente di differenza default: 2. In caso contrario devi fornire un percorso completo. Alcune librerie contengono solo un filtro mentre altre invece ne contengono molti. Controlli sono zero o più valori decimali che determinano il comportamento del plugin caricato ad esempio ritardo, soglia o guadagno.

    In modalità verbosa aggiungi -v alla linea di comando di MPlayer tutti i controlli disponibili, insieme con le loro gamme valide, vengono stampati. Previene gli artefatti su suoni molto alti ed aumenta il volume sui suoni molto bassi.

    Questo filtro non è testato, forse anche inutilizzabile. Filtro noise gate limite rumore simile al filtro audio comp. Attenti che questo filtro convertirà il vostro segnale in mono. Funziona bene con tracce a due canali, non perder tempo ad usarlo su qualcosa che non sia stereo a due canali.

    Valore nominale di riproporzione tempo. Riproporziona questo valore sommato alla velocità. Lunghezza in millisecondi di ogni stride da emettere. Valori molto bassi modificherano il picco. Valori più alti aumentano la resa. Percentuale di stride da sovrapporre. Valori più bassi aumentano la resa. Lunghezza in millisecondi per cercare il miglior punto per la sovrapposizione.

    Valori più bassi aumentano decisamente la resa. Su sistemi lenti, la vorrai impostare probabilmente molto corta.

    Riproporziona il picco senza modificare il tempo. Riproduce media a 1. Cambiando la velocità di riproduzione, modifica il tempo audio affinché corrisponda.

    Fa in modo che scaletempo usi codice a virgola mobile. Forse più veloce su alcune piattaforme. Cambiando la velocità di riproduzione, modifica il picco, lasciando il tempo audio a 1. Raccoglie ed emette a video statistiche sul flusso audio, in particolare sul volume. I volumi vengono scritti in dB e compatibili col filtro audio volume. I filtri video ti permettono di modificare il flusso video e le sue proprietà.

    La sintassi è: -vf. Molti parametri sono opzionali e verrano caricati a valori di default se omessi. NOTA: Per avere una lista completa dei filtri video disponibili, vedi -vf help. I filtri video sono gestiti in liste.

    FormatFactory

    Con filtri che lo supportano, puoi accedere ai parametri attraverso il loro nome. Stampa i nomi dei parametri e la gamma dei valori validi per i parametri di un particolare filtro.

    Regola un parametro con nome al valore passato. Utile per eliminare le bande nere dei film widescreen. Soglia che è possibile specificare opzionalmente da niente 0 fino a tutto default: Lo scostamento viene regolato automaticamente per centrare il video. Utilizza 2 per avere solo dimensioni pari necessario per i filmati in formato Con molti codec video conviene utilizzare 16 quando si effettua la codifica.

    Contatore che determina il numero di fotogrammi dopo i quali cropdetect azzererà la più ampia area rilevata e ricomincerà a cercare la migliore superficie per il ritaglio default: 0.

    Espande non scala la risoluzione del film ai valori passati e posiziona i filmato originale non scalato alle coordinate x, y. Larghezza, altezza espansa default: ampiezza ed altezza originali. Valori negativi per w e h sono trattati come scostamenti dalla dimensione originale.

    Arrotonda per eccesso in modo da avere larghezza e altezza divisibili per default: 1. Con valori da la rotazione viene eseguita solo se la geometria del film è ritratto portrait e non paesaggio landscape. Alternativamente, puoi specificare esattamente le dimensioni di larghezza ed altezza di visualizzazione che desideri. Nuova larghezza ed altezza di visualizzazione. Possono anche essere uno dei valori speciali seguenti:. Modifica altezza e larghezza in accordo con i rapporti di aspetto originari.

    Arrotonda in eccesso larghezza e altezza in modo che siano divisibili per default: 1. Deprecato a favore della scalatura via software. Limita lo spazio colore del filtro successivo senza effettuare nessuna conversione.

    Da utilizzare con il filtro di scalatura per ottenere una conversione effettiva. A differenza del filtro format, questo permette qualsiasi spazio colore eccetto quello specificato. Ogni sotto filtro ed alcune opzioni hanno un nome lungo ed uno corto che possono essere usati indifferentemente, p. Tutti i sotto filtri condividono le stesse opzioni comuni che ne determinano la sfera di azione:. NOTA: -pphelp visualizza una lista dei sotto filtri disponibili.

    Filtro di deinterlacciamento con miscelazione lineare che deinterlaccia il blocco specificato filtrando tutte le linee con un filtro 1 2 1. Filtro di deinterlacciamento lineare interpolato che deinterlaccia il blocco specificato interpolando linearmente ogni seconda linea. Filtro di deinterlacciamento cubico interpolato che deinterlaccia il blocco specificato interpolando con una cubica ogni seconda linea.

    Filtro di deinterlacciamento mediano che deinterlaccia il blocco specificato applicando un filtro mediano ad ogni seconda linea. Filtro di deinterlacciamento di FFmpeg che deinterlaccia il blocco specificato filtrando ogni seconda linea con un filtro -1 4 2 4 Filtro passa basso applicato in verticale che deinterlaccia il blocco specificato filtrando tutte le linee con un filtro -1 2 6 2 Abilita i filtri di default e il denoise eliminazione rumore temporale.

    De-block orizzontale solo della luminanza ed attiva o disattiva il de-block verticale automaticamente a seconda del tempo di CPU disponibile. Una qualche equazione, per es. Larghezza della figura generata default: 0. Altezza della figura generata default: 0. Veloce e di migliore qualità rispetto a -vf fame. Utile solo insieme a expand e scale.

    Parametri ed utilizzo sono gli stessi. Valori più alti di profondità elimineranno maggiormente il disturbo nei componenti a frequenza inferiore, ma rallenteranno il filtraggio default: 8.

    Equalizzatore software alternativo che utilizza una tabella di lookup molto lento che permette anche la correzione della gamma oltre ai semplice aggiustamento di luminosità e contrasto. Nota che viene utilizzato lo stesso codice ottimizzato per MMX come -vf eq se tutti i valori di gamma sono 1. I parametri sono passati come valori decimali.

    Un valore di 0. Converte dal formato YUV ad un formato a mezza altezza , riducendo la luminanza ma mantenendo tutti i campioni di crominanza.

    Utile per mandare dati a visualizzatori a bassa risoluzione quando la scalatura hardware in riduzione è di bassa qualità oppure non è disponibile. Per default halfpack media le coppie di linee quando effettua la scalatura verso il basso.

    Qualsiasi valore di f diverso da 0 o 1 attiva la gestione di default media delle due linee. Questo filtro compatta i dati in formato planare nel formato YUY2 con le linee di crominanza nella loro giusta posizione, in modo che in qualsiasi linea i dati di luminanza e crominanza vengano dallo stesso campo field.

    Utile solo con MEncoder. Questo utilizza leggermente più spazio ma è necessario se si scrivono file MPEG oppure se hai intenzione di dividere demux e rimettere insieme remux i flussi video dopo la codifica.

    Dovrebbe essere messo alla fine o vicino alla fine della catena dei filtri a meno che tu non abbia delle buone ragioni per fare altrimenti. Softskip sposta il passo di scarto dei fotogrammi dropping della codifica da prima della catena dei filtri a qualche punto nella catena dei filtri stessa.

    Questo permette a filtri che necessitano di controllare tutti i fotogrammi telecine inversa, eliminazione temporale del disturbo, Dovrebbe essere inserito dopo il filtro che necessita di vedere tutti i fotogrammi e prima di ogni filtro seguente che ha bisogno di molto tempo di CPU. Scarta fotogrammi che non sono molto differenti dal precedente per poter ridurre la frequenza dei fotogrammi framerate.

    Il filtro drop-interlace dint Trova e scarta il primo fotogramma interlacciato da una serie di fotogrammi video. Deinterlacciatore adattivo di Donald Graft. Deinterlaccia parti del filmato se una soglia configurabile viene superata. De interleave delle linee. De interleave veloce delle linee. Questo filtro è molto simile al filtro il ma molto più veloce, il grosso svantaggio è che non sempre funziona.

    Funziona bloccandosi sul modello del processo di telecine e seguendolo finché è possibile. Questo lo rende adatto per materiale a cui il processo di telecine è stato applicato in modo perfetto, anche in presenza di un certo livello di disturbo, ma genera risultati errati in presenza di modifiche complesse applicate dopo il processo di telecine stesso. Lo sviluppo di questo filtro non ha più luogo in quanto ivtc, pullup e filmdint sono migliori per molte applicazioni.

    I parametri successivi vedi la sintassi sopra possono essere usati per controllare il comportamento del filtro detc:. Indica il numero iniziale di fotogramma nella sequenza. Il numero specificato qui è il tipo del fotogramma immaginario che abbiamo prima che inizi il film. Piuttosto che provare a bloccarsi su un modello come fa il filtro detc, ivtc effettua la sua decisione in maniera indipendente per ogni fotogramma.

    Lo sviluppo del filtro ivtc è attualmente fermo in quanto i filtri pullup e filmdint sembrano molto più accurati. Il filtro pullup è progettato per essere molto più robusto dei filtri detc e ivtc, avendo la possibilità di guardare il contesto futuro per prendere le proprie decisioni. È ancora sotto sviluppo ma si crede che sia abbastanza preciso.


    Ultimi articoli